ANNO 20 n° 263
Foto successiva
Proseguono i lavori di consolidamento
Il sindaco Bigiotti: “Interventi necessari a tutela dell’incolumità delle persone”

VITERBO - Proseguono, a ritmo serrato, i lavori di consolidamento e messa in sicurezza per l’accesso a uno dei borghi medievali più belli a livello mondiale. Considerato, per antonomasia, il gioiello del territorio della Teverina che sta attendendo con meritata causa il riconoscimento, da parte dell’Unesco, come patrimonio dell’Umanità.

“Gli operai – commenta il sindaco di Bagnoregio, Francesco Bigiotti – stanno lavorando mattina e sera per il consolidamento delle pendici nord e sud di Civita. La rocca tufacea che poggia su instabili argille è soggetta, per conformazione geologica, a una lenta ma inesorabile erosione. Per questo si sono resi necessari, e urgenti, degli interventi di rafforzamento delle pendici”. I lavori, per un totale di due milioni di euro, sono stati finanziati, completamente, dal Ministero dell’Ambiente e dalla Regione Lazio. Sono invece di quasi 900.000 euro i lavori, quasi ultimati, per la rupe sud di Civita, interamente a carico della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Si è cominciato a operare dal basso per arrivare, in tempi record, alla messa in sicurezza del ponte di Civita gravemente lesionato dall’usura del tempo. Un’operazione interamente finanziata con i proventi di bilancio (50.000 euro) grazie all’introduzione del ticket, per l’accesso alla città che muore, che permetterà la manutenzione e il controllo costante dell’area sottoposta a continui smottamenti. “L’ intervento – commenta sempre il sindaco di Bagnoregio, Francesco Bigiotti – è stato effettuato in soli 10 giorni. Dalla segnalazione della fessurazione del cemento tutto è già stato ripristinato, al fine di garantire il transito pedonale sulla passerella ed evitare inutili disagi. Il lungo ponte è infatti, come tutti sanno, l’unica via di accesso a Civita ed è fruita, quotidianamente, oltre che dai residenti anche da moltissimi turisti”.




Facebook Twitter Rss