ANNO 20 n° 263
Siccità - Carbognano chiede stato di calamità
Chiesto alla Regione Lazio di effettuare un sopralluogo tecnico

VITERBO – In attesa che “Poppea”, il vortice ciclonico, porti la tanto attesa pioggia durante il fine settimana, il Comune di Carbognano, vista la straordinaria siccità che ha colpito il territorio, ha attivato la procedura per la richiesta dello stato di calamità naturale.

“Con le eccezionali condizioni climatiche dell’estate 2012, abbiamo ricevuto numerose segnalazioni di disagio e preoccupazione da parte dei produttori agricoli di tutto il comprensorio dei Cimini – ha dichiarato il sindaco di Carbognano Agostino Gasbarri - . Riteniamo che tale situazione avrà gravi ripercussioni sull’economia locale avendo fortemente danneggiato i raccolti (nocciole, castagne, ecc..) nella qualità e nella quantità”.

“Per questo motivo ci siamo attivati ed abbiamo chiesto formalmente alla Regione Lazio, settore provinciale agricoltura di Viterbo, di effettuare un sopralluogo tecnico sul territorio per verificare la sussistenza dei requisiti necessari per l’ottenimento dei benefici previsti dalla legge sulla calamità naturale” ha aggiunto il primo cittadino.




Facebook Twitter Rss