ANNO 18 n° 204
''Cancellazione Imu, segnale di ingiustizia''
Per Perinelli (Cgil) sarebbe stato più giusto dare risorse ai lavoratori
30/08/2013 - 19:33

Riceviamo e pubblichiamo

Rispetto al provvedimento approvato dal Governo mercoledì scorso, che prevede la cancellazione della tassa sulla prima casa (IMU)  la CGIL ritiene sia un provvedimento a favore di chi problemi non ce l’ha e non li ha mai avuti a pagare una tassa sulla casa, è iniqua proprio perche è stata annullata per tutti indistintamente, non ci sembrava fosse il problema principale da risolvere. E’ un chiaro segnale di ingiustizia, piuttosto sarebbe stato opportuno e giusto dare più risorse a lavoratori e pensionati, alla parte più disagiata della popolazione.  La preoccupazione adesso è l’aumento dell’IVA che  graverà  ancora una volta sui  più poveri del paese, perché lieviteranno i costi dei beni di consumo. Inoltre per  quanto riguarda la prossima tassa,  la service tax,  nuovo nome ma  stesso significato,  molto dipenderà dai   Comuni,  auguriamoci che questa scelta non si traduca nel fatto che debbano pagare solo gli affittuari. Ricordo che nella provincia abbiamo ampie aree di sofferenza tra i lavoratori del Distretto di Civita Castellana e non solo, tra le decine di lavoratori che sono senza pensione e senza stipendio, migliaia di giovani che sono costretti ad emigrare per trovarsi un lavoro, sempre più difficile  trovarlo in provincia di Viterbo''.

Miranda Perinelli Segretaria Gen.le CGIL Viterbo




Facebook Twitter Rss