ANNO 18 n° 325
Con i Pugnaloni il paese si veste di fiori
Oggi la sfilata delle opere create dai gruppi dei giovani di Acquapendente
18/05/2014 - 04:00

ACQUAPENDENTE - Grande festa oggi nel paese dell'Alta Tuscia per la festa dei Pugnaloni, le opere realizzate con fiori e foglie, su grandi pannelli disegnati (2,60 metri di larghezza per 3,60 di altezza) in onore della Madonna del Fiore, che si celebra ogni anno la terza domenica di maggio.

L'origine della festa è antichissima e risale infatti al 1166. Nel maggio di quell’anno, mentre il paese dell’Alta Tuscia era sotto il dominio di Federico Barbarossa, due contadini avrebbero assistito alla fioritura “miracolosa” di un ciliegio secco da alcuni anni. L’avvenimento, in un battibaleno, si propagò di bocca in bocca a tutti gli abitanti della cittadina, che lo interpretarono come un segnale di buon auspicio per la liberazione dal dominio del Barbarossa. Così, armati di pungoli (lunghi bastoni con una punta ferrata, che venivano usati per spingere i buoi durante l'aratura) e altri attrezzi da lavoro, insorsero, distruggendo il castello del luogotenente dell’invasore e riacquistarono la libertà. Contemporaneamente, la festa diventò anche un ringraziamento alla Madonna, alla cui intercessione fu subito attribuito il miracolo della fioritura del ciliegio secco.

La ricorrenza, che cade la terza domenica di maggio, è stata celebrata ininterrottamente fino al 1929, per poi essere sospesa e ripresa nel 1958.

I Pugnaloni così come sono oggi, cioè mosaici realizzati con fiori e foglie, composti su pannelli in legno di 2,6 per 3,6 metri, derivano dall’usanza dei contadini del posto di sfilare dietro la statua della Madonna con i pungoli ornati di fuori, soprattutto ginestre.

Ogni Pugnalone è eseguito da un gruppo di giovani del paese, che si sfidano in una vera e propria competizione, da cui scaturisce il vincitore. Queste splendide tavole il giorno della festa vengono collocate lungo le vie del centro storico, nelle piazzette e negli angoli più caratteristici della città, addobbati a festa per l’occasione. Le opere restano esposte fino alle prime ore del pomeriggio, dopodiché vengono sistemati nella piazza del Duomo dove è possibile ammirarli fino all’inizio della sfilata.

I gruppi che partecipano ai Pugnaloni sono quindici: Acquaviva, Barbarossa, Corniolo (SAS), Corte Vecchia (Selecao), Costa San Pietro, Porta della Ripa (Centro), Porta Romana (Comb), Rugarella, Sant’Anna (GSA), Santo Sepolcro (6+6), Torre G. de Jacopo (Nuova Torre), Torre San Marco (Prima Equipe Torre San Marco), Via del Carmine (GNS), Via del Fiore (Prima Equipe Via del Fiore), Via Francigena (Blu Cobalto).

Ecco il programma delle iniziative:

La Biblioteca Comunale propone la mostra “I Pugnaloni di Acquapendente. Mostra retrospettiva dal 1894”, con i bozzetti dei Pugnaloni di quest’anno, in esposizione fino al 31 maggio.

Domenica 18 maggio al Museo del fiore appuntamento con “Come realizzare un Pugnalone”, un laboratorio artistico ed una passeggiata nel giardino botanico del Museo alla ricerca del materiale vegetale (fiori e foglie) per la realizzazione di un quadro che verrà colorato con il materiale trovato in natura (pugnalone).

Domenica 18 maggio è la giornata clou dei festeggiamenti e per l’occasione il Museo della Città propone alle ore 10 un insolito tour guidato tra le vie del borgo antico, che culminerà con l’apertura straordinaria della Pinacoteca e la visita alle opere dell’antica quadreria del convento francescano (prenotazione entro sabato 17 maggio - numero verde gratuito 800-411834 interno 0).

Il programma dei Pugnaloni per domenica 18 maggio è il seguente: dalle ore 9.30 esposizione dei Pugnaloni nel centro storico; ore 11 Basilica del S. Sepolcro Santa Messa con la partecipazione del Signore di Mezzomaggio; ore 11.30 sfilata del gruppo “Sbandieratori Città de L’Aquila” per le vie del centro storico; ore 15.30 al Chiostro di San Francesco benedizione e sfilata del “Corteo Storico Città di Acquapendente” e degli “Sbandieratori Madonna del Fiore”; ore 15.30 all’Oratorio Madonna del Fiore sfilata del gruppo “Sbandieratori Città de L’Aquila”; ore 16 Piazza G. Fabrizio lettura della pergamena e antico gioco della bandiera; ore 17.30 processione con la Sacra Immagine della Madonna del Fiore preceduta dai Pugnaloni, con la partecipazione del Signore di Mezzomaggio; ore 19 estrazione del nuovo Signore di Mezzomaggio 2015 e premiazione dei Pugnaloni.

Durante i giorni della manifestazione l’associazione “Arte mia” organizza “Il Mercatino” presso piazza della Costituente con opere dell’ingegno e artigianato locale.




Facebook Twitter Rss