ANNO 19 n° 262
Cubo Festival, presentato il programma
Oltre 50 eventi in tre giorni dedicati a tutte le forme d’arte
29/11/2013 - 16:21

RONCIGLIONE - Oltre 50 eventi in tre giorni dedicati a tutte le forme d’arte. In cartellone Giobbe Covatta, Paolo Crepet, Giorgio Nisini, Martina Pinto, Fabio Cinti, Roberto Gatto, Enrico Pieranunzi, Giuseppe Madaudo e tanti altri. Presentato oggi il cartellone in Provincia dagli organizzatori e ideatori Italo Leali e Alessandro Vettori e dal presidente della Provincia Meroi, l’assessore alla cultura Fraticelli, il sindaco di Ronciglione Giovagnoli e l’assessore alla cultura del comune Sangiorgi. Il Cubo festival si svolgerà a Ronciglione dal 6 all’8 dicembre.

 

Partire dalla cultura, un messaggio per tutti, rivolto a tutti, una cultura collaborativa, condivisa insieme a scrittori, attori e artisti che hanno voluto dare il loro contributo a questa prima edizione del Cubo Festival. Un Festival che vuole lanciare il suo messaggio culturale partendo proprio dalla scuola e quindi dai giovani. S’inizierà dalle scuole Medie di Ronciglione con un film sui diritti umani in cui interverrà l'attore e scrittore Giobbe Covatta, da anni impegnato nella difesa dei diritti dei bambini nei paesi africani. Si continuerà con la giovane ronciglionese Martina Pinto, attrice e blogger italiana che incontrerà i ragazzi del Liceo scientifico “A. Meucci”, e si finirà con gli studenti delle elementari dell’Istituto Comprensivo Mariangela Virgili che saranno coinvolti dal gruppo guidato dall’architetto Artuto Vittori nella realizzazione di un albero di Natale tecnologico. Protagonisti del Cubo Festival saranno anche: il cinema con le proiezioni di due pellicole storiche nelle quali la città di Ronciglione è protagonista: “Lo Scapolo” con Manfredi e Sordi girato nella cittadina Cimina e “Petrolini” con il grande e indimenticato attore ronciglionese; la letteratura con Paolo Crepet, Giorgio Nisini e tantissimi giovani autori; la scultura con le opere degli artisti Rinaldo Capaldi e Alessandro Ridolfi; la pittura con i maestri Giuseppe Madaudo e Stefano Cianti; la Fotografia con Adriana Soares modella internazionale ed oggi fotografa; il Teatro con Paolo Manganiello, Remo Stella, Emanuele Pica, il Teatro Ygramul e gli artisti di strada; la Musica con Fabio Cinti, il Tuscia in Jazz e i suoi artisti, i concerti di Giammarco Casani, dell’Istituzione Musica e del Quartetto Sibylla; l’architettura con l’installazione del gruppo Nitro nel Borgo Medievale; le installazioni dell’artista Alessandro Vettori al castello di Ronciglione “I Torrioni”; la Danza con le D.A.N.S. Girls e Parisina Antonozzi; la moda con un omaggio che Daniela Scavolini renderà al carnevale di Ronciglione presentando una parata di costumi e sartoria creativa; Arazzo e Ricamo con un’installazione di macramè di Anna Meloni. All’interno del Cubo Festival si terranno conferenze curate dai professori: Luciano Mariti per il Teatro, Ilde Consales per Petrolini, Antonella Colonna Vilasi per la storia dei servizi segreti, Luigi Orso psichiatra per la bellezza e Marcello Bufalini per la Musica. L’AID (Associazione Italiana Dislessia) terrà la conferenza “Come può essere così difficile?”.

 

Il Cubo Festival rappresenta un nuovo progetto culturale reso possibile dalla collaborazione di 3 istituzioni comunali (musica, teatro e biblioteca), 15 associazioni culturali, oltre 50 artisti, decine di volontari, dalla Provincia di Viterbo, dal Comune di Ronciglione, da molti privati che hanno messo a disposizione i propri locali e dallo sponsor ufficiale del festival “Residenza Principe di Piemonte”.

 

“Siamo felici della grande partecipazione registrata a questa prima edizione del Cubo Festival”, dichiarano Italo Leali e Alessandro Vettori ideatori e coordinatori del progetto. “Quando abbiamo lanciato sui social network l’idea di organizzare una giornata dedicata alla cultura non ci immaginavamo una partecipazione così importante e allargata che ci ha permesso di organizzare un vero e proprio festival. Ci auguriamo che questa edizione sia solo la prima di tantissime altre. Ringraziamo tutte le istituzioni e le persone che con noi hanno creduto in questo sogno diventato realtà”.

 

“E’ importante veder nascere sul territorio iniziative culturali innovative e così ricche di contenuti artistici. – Commenta Marcello Meroi presidente della Provincia di Viterbo - Creare prodotti di qualità, per giunta in un momento in cui reperire risorse è sempre più difficile, è un segnale incoraggiante per il territorio che proprio da una riscoperta della cultura può ritrovare gli stimoli e le energie necessarie per creare le condizioni di nuove occasioni di sviluppo. Spesso basta poco per mettere in piedi un evento di qualità ma è importante credere in ciò che si fa e perseguire tenacemente gli obiettivi che si vogliono raggiungere. C’è un patrimonio culturale “sommerso” in questo territorio, che è necessario far emergere e valorizzare. Questa iniziativa, senza dubbio, va in questa direzione. Un grazie di cuore agli organizzatori del Cubo Festival per aver reso possibile un programma così ricco di proposte e per aver saputo favorire il massimo coinvolgimento”.

 

“Non posso che complimentarmi con gli organizzatori di questa nuova iniziativa culturale, che raccoglie espressioni artistiche varie ma tutte analogamente efficaci. - Continua l’assessore alla Cultura della Provincia di Viterbo Giuseppe Fraticelli. - Ritengo importante soprattutto il coinvolgimento delle scuole e la promozione di messaggi positivi dall’alto valore sociale. Un programma ricco di tante iniziative, tenute insieme da un unico filo conduttore; la cultura come prezioso strumento di aggregazione e collaborazione nelle sue forme e nei suoi diversi linguaggi. Ritengo che, come avvenuto per il Tuscia in Jazz Festival, anche questa idea, che come hanno tenuto a sottolineare Italo Leali e Alessandro Vettori si è sviluppata con un semplice passaparola sui social network, possa diventare un appuntamento fisso e consolidato della nostra provincia”.

 

“I miei ringraziamenti vanno agli ideatori del festival, - dichiara Alessandro Giovagnoli sindaco di Ronciglione - a tutte le associazioni e agli artisti che hanno aderito con entusiasmo numerosi soltanto per il piacere di contribuire con un evento artistico o culturale, nonché ai privati che hanno messo gratuitamente a disposizione i propri locali e che mostrando una grande collaborazione hanno reso possibile un evento che altrimenti sarebbe stato economicamente insostenibile”.

 

“Tre giorni importanti per Ronciglione, tre giorni in cui ogni forma d’arte troverà espressione, in cui il nostro paese sarà il centro culturale della provincia, con un programma ricchissimo di iniziative, tutte di spessore. - Continua l’assessore alla cultura del comune di Ronciglione Daniela Sangiorgi. - Una preparazione di mesi, a servizio del pubblico. Il CUBO non è un’auto-celebrazione, bensì un omaggio all’arte, che il comune, in particolare l’assessorato che rappresento, ha voluto sostenere e appoggiare con grande orgoglio”

 

Appuntamento dunque a Ronciglione dal 6 all’8 dicembre 2013 per questo nuovo evento culturale della Tuscia.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.cubofestival.it




Facebook Twitter Rss