ANNO 18 n° 204
''Il Comune di Viterbo ripristini la legalità''
Lo dice il Sicet sulle occupazioni abusive di alloggi
02/08/2013 - 20:37

Riceviamo e pubblichiamo:

VITERBO - Come Sicet crediamo e speriamo che sia arrivato il momento più opportuno affinché le leggi in materia di occupazione abusiva vengano prese in considerazione e fatte rispettare.

Proprio come accaduto nei giorni scorsi nel Comune di Tuscania, dove grazie alla collaborazione tra Nucleo dei Carabinieri, Assistenti Sociali e Amministrazione Comunale si è ripreso totale possesso da parte di questi ultimi dell’alloggio sociale che era stato tempestivamente e abusivamente occupato.

Riteniamo che l’azione intrapresa nel Comune di Tuscania debba essere presa in considerazione e delineare una nuova strada d’azione anche in tutti gli altri Comuni della nostra Provincia che presentano situazioni similari, per intervenire sull’illegalità e tutelare tutti coloro che sono in attesa di un alloggio sociale e in questi anni hanno rispettato l’iter burocratico indispensabile per cercare di ottenerlo.

Ricordiamo che sono più di 50 gli alloggi nel Comune di Viterbo che versano in questa condizione, indegna e deprimente per il settore sociale.

Come Organizzazione, chiediamo come sia possibile che solo una Amministrazione Locale riesca a far rispettare la Legge? Cosa attendono le altre Amministrazioni ad intervenire?

Questo nostro intervento a riguardo vuole essere un ulteriore sollecito all’Amministrazione Comunale, perché venga intrapresa una strada che sembra essere l’unica percorribile e senza ombra di dubbio la più idonea, modificando quel meccanismo impotente portato avanti dalla vecchia Amministrazione Marini.

Per questi motivi rinnoviamo Unitariamente (Sicet-Cisl,Sunia-Cgil,Uniat-Uil) l’invito ad un incontro per far presenti le problematiche abitative che opprimono questo Comune.

Rimaniamo in attesa di conoscere una data, certi di un vostro riscontro.

Sicet Viterbo




Facebook Twitter Rss