ANNO 20 n° 115
Il rifiuto a un pieno gratis la causa
del ferimento del benzinaio di 25 anni
L'aggressore, con problemi mentali, è stato portato a Belcolle
07/06/2012 - 10:17

VITERBO - Aveva chiesto di avere il pieno di carburante gratis e al rifiuto da parte del benzinaio è scattato il raptus di follia. Secondo le prime ricostruzioni alla base della brutale aggressione avvenuta ieri mattina a Capodimonte, quando un 39enne, con problemi psichici, si è scagliato contro un ragazzo di 25 anni ferendolo con un'accetta, ci sarebbe stato un rifornimento di benzina mancato.

Il 39enne, dopo aver ricevuto il ''no'' da parte del titolare della struttura, si sarebbe allontanato dall'area, avrebbe poi preso l'ascia che si trovava all'interno della sua auto e sarebbe tornato alla stazione di servizio, dove nel frattempo era arrivato il figlio del benzinaio.

L'uomo, a quel punto, ha cercato di colpire alla testa il giovane, che fortunatamente è riuscito a schivare il primo fendente, e poi lo ha ferito all'altezza dello scapola con un secondo colpo.

Fra il panico della gente e del padre del 25enne, il 39enne è stato bloccato poi dai carabinieri, giunti immediatamente sul posto, e trasportato a Belcolle per un trattamento sanitario obbligatorio.

Il giovane, fortunatamente, non ha riportato lesioni gravi.

Facebook Twitter Rss