ANNO 18 n° 325
La febbre del venerdì sera? Buonanotte
Il freddo e non solo rovinano l'iniziativa
13/09/2014 - 10:16

VITERBO - Allora, 'sto festone? E' andato bene, pensa che in giro ho incontrato pure uno di Bomarzo. Musica anni Settanta e Ottanta, in questa notte di febbre viterbese del venerdì sera - robetta di lusso, a livello internazionale - le piazze della città tutte prese dai dj, dalle band e dalle orcherstre. E' Friday Night Fever, la febbre del venerdì sera pagata dal Comune (20mila euri) perchè noi il sabato neanche lo consideriamo.

E allora musica, nelle piazze, tra la gente, pure se non balla nessuno, pure stanno tutti lì a guardare, a bere e a fare gruppo. E poco importa se stanno suonando una cover band dei Duran Duran o mitologici Squali (quelli che ancora sono vivi) o Tropicana: lo spettacolo è sempre lo stesso, sotto i nobili portici di Palazzo dei Priori, o a ridosso delle venerabili fontane di piazza delle Erbe o del Gesù. E i negozi aperti al Corso? Tre al massimo, del mercatino vintage (l'ho letto sui manifesti) manco a parlarne, a parte quello spacciatore al Suffragio.

continua a leggere su Viterbopost.it




Facebook Twitter Rss