ANNO 20 n° 115
Operazione Tsunami, un altro arresto
Ai domiciliari 27enne egiziano residente a Caprarola. Altro provvedimento a Braccian
04/11/2015 - 11:03

RONCIGLIONE - Proseguono le indagini dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Ronciglione nell’ambito dell’operazione Tsunami, che lunedì aveva già portato agli arresti domiciliari 21 persone.

 

Ieri i militari hanno tratto in arresto un altro uomo di origini egiziane di 27 anni colpito da un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Viterbo per concorso in spaccio di sostanze stupefacenti.

 

I militari dopo aver ricevuto il provvedimento hanno iniziato una frenetica attività di ricerca dell’uomo, residente a Caprarola fino a trarlo in arresto alle ore 18 mentre si stava aggirando nel centro abitato. Dopo le formalità l’arrestato è stato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari.

 

Nell’ambito delle stesse indagini è stato anche notificato un provvedimento di presentazione alla polizia giudiziaria per un altro indagato 19enne di Bracciano. Sulla base dell’ordinanza il giovane dovrà presentarsi al posto di polizia per tre volte al giorno, oltre ad altre prescrizioni particolari imposte dall’autorità giudiziaria della Capitale.

 

Intanto continuano le indagini con l’escussione di testi e con gli accertamenti dei militari dell’Arma che operano in stretta sinergia con il pubblico ministero della procura della Repubblica di Viterbo.




Facebook Twitter Rss