ANNO 18 n° 327
Sulla Tuscia il ruggito del Grillo
Dati definitivi Camera dei deputati e Senato della Repubblica
26/02/2013 - 01:23

VITERBO - Beppe Grillo spacca tutto. Il Movimento 5 stelle fa la parte del leone e alla Camera, sia a Viterbo che in provincia, è il primo partito; supera anche le due principali coalizioni di centrodestra e centrosinistra.

Anche al Senato lo Tsunami fa sentire tutta la sua forza dirompente essendo il primo partito nel capoluogo con il 29,85% contro il 24,30% del Popolo delle libertà e il 22,62% del Partito democratico. La coalizione di centrodestra, comunque, grazie anche ai voti di Fratelli D'Italia (4,44%), La Destra (2,63%), Lega Nord (0,64%), Mir (0,48%) e Intesa popolare (0,04%), riesce a vincere con il 32,55%.

La coalizione di centrosinistra, invece, si attesta al 25,61%, dato comprensivo delle liste sostenitrici del Pd (22,62%): Sel (2,63%), Centro democratico (0,20%) e Partito socialista (0,15%).

Sempre a Viterbo la lista Monti, comprensiva anche Udc e Fli, prende 2618 voti, pari al 7,22%. Rivoluzione civile di Ingroia si attesta all’1,46%, mentre i restanti partiti non superano il punto percentuale.

Per quanto riguarda il dato provinciale del Senato, nella Tuscia vince il centrodestra con il 31,31%, Beppe Grillo segue con il 29,18% (è il primo partito anche nella Tuscia con oltre 50mila voti), mentre il centrosinistra arriva al 27,97%. Supera di poco la soglia del 6% la lista Monti, Ingroia si attesta all’1,85%.

SENATO  - CLICCA PER LEGGERE I RISULTATI COMUNE PER COMUNE

SENATO - CLICCA PER LEGGERE IL RIEPILOGO PROVINCIALE

SENATO - CLICCA PER LEGGERE I DATI A VITERBO CITTA'

Il grande successo di Grillo si registra anche alla Camera dei deputati. A Viterbo non c'è storia: supera sia i singoli partiti che le intere coalizioni. Con il 31,81% diventa imprendibile per il Pdl (23,76%) e per il Pd al 20,44%. La coalizione di centrodestra, infatti, arriva al 31,68%, mentre quella di centrosinistra si ferma al 23,74%.

I montiani, che alla Camera presentavano Udc, Fli e Lista Monti, prendono l'8,13% (dato riferito alla coalizione).

Rivoluzione civile di Ingroia, invece, si attesta all'1,95 e Casapound all'1,10%. Tutti gli altri non scavalcano la soglia del punto percentuale.

Nella Tuscia il monologo dell’ex comico continua. Il divario si allarga in provincia: se a Viterbo ci sono pochi decimi a dividere la coalizione guidata dal Pdl dall’M5S, la forbice lontano dal capoluogo è più evidente (31,52% a 30,01%). Va anche peggio al centrosinistra che si attesta al 26,21%.

Molto più indietro i montiani che, come coalizione, arrivano al 7,52%. Infine Ingroia supera di poco il 2%.

CAMERA - CLICCA PER LEGGERE I RISULTATI COMUNE PER COMUNE

CAMERA - CLICCA PER LEGGERE IL RIEPILOGO PROVINCIALE

CAMERA - CLICCA PER LEGGERE I DATI A VITERBO CITTA'

Facebook Twitter Rss