ANNO 20 n° 116
Un intero paese piange Beatrice Orsini
Ieri i funerali della quindicenne morta mentre era in piscina
27/05/2015 - 10:26

GROTTE DI CASTRO – Piange un intero paese. Tutto riunito oggi, alle 17 nella chiesa del duomo di Grotte di Castro, intitolata a San Pietro, per dare l’ultimo abbraccio a Beatrice Orsini. Una vita spezzata quella di questa ragazza di 15 anni, finita in una tragica domenica di fine maggio mentre stava nuotando nella piscina comunale del paese.

 

Presenti i compagni di scuola del liceo Dalla Chiesa di Montefiascone, gli stessi che nelle scorse ore hanno voluto salutare Beatrice con uno striscione messo fuori dall’edificio scolastico. ''Preferirei trascorrere ogni momento in agonia, piuttosto che cancellare il ricordo di te'', il testo che racchiude il loro dolore. Piangono gli amici di sempre, che non potranno più starle vicino, che non avranno più modo di confidarsi con lei o semplicemente scherzare sulle cose leggere della vita.

 

Il silenzio della morte li ha separati per sempre. Un malore in acqua e l’affogamento. Vani i tentativi di soccorrerla del padre e del bagnino, la giovane praticamente è morta tra le loro braccia. Una scena straziante, come straziante il funerale della quindicenne. Il pubblico ministero ha ritenuto inutile effettuare l’autopsia, chiara la dinamica dell’accaduto da non renderla necessaria. Un dolore enorme che ha lasciato senza parole l’intera Grotte di Castro, un paese che trova sintetizzato il proprio sentimento di impotenza e dolore nelle semplici ed efficaci parole del sindaco Piero Camilli: ''Un dolore enorme, di fronte al quale le parole servono a poco. Non si può spiegare la tragedia di un padre che si vede morire tra le braccia la propria figlia. Un'ingiustizia che una ragazza di 15 anni se ne sia andata così''.

 

Nella serata di ieri in tanti hanno partecipato alla veglia funebre organizzata dalla famiglia e sul profilo facebook di Beatrice continuano a comparire messaggi di addio da parte degli amici di una vita e da semplici conoscenti, tutti scossi per questa vita spezzata.




Facebook Twitter Rss