ANNO 19 n° 17
1.400 chili di bacon per attraversare gli States
20/09/2012 - 17:35

Qualcuno li chiama gli United States of Bacon. Negli Usa si consuma così tanta pancetta di maiale (fritta, con le uova, negli hamburger) nella dieta di ogni giorno che questo alimento è diventato un vero nonché ultracalorico cult. Tanto che un attore della Pennsylvania sta compiendo in questi giorni un viaggio a tema davvero particolare: attraverserà il Paese da New York a Los Angeles senza spendere un cent, ma cercando di pagare ogni servizio esclusivamente con porzioni di bacon, fette o interi pezzi.

LA SCORTA – Partito lo scorso 9 settembre dalla Grande Mela, è atteso il 23 settembre a Los Angeles per festeggiare la fine del suo coast to coast. Dietro la sua automobile è agganciato un carrello molto capiente: è lì che Josh Sankey custodisce la sua preziosa merce di scambio. Si tratta di circa 1400 chilogrammi di bacon, in varie forme, di piccolo e grande taglio, forniti da un produttore locale che ha sovvenzionato anche una troupe impegnata a filmare i momenti topici di questo viaggio-baratto al gusto di pancetta.

Ogni volta che deve pagare per benzina, pasti, alberghi, ma anche visite turistiche o sfizi personali, Josh apre il suo carrello e preleva la speciale moneta. E nel suo viaggio da costa a costa ha deciso di non farsi mancare nulla: spettacoli, ma anche avventure come un viaggio in elicottero, o sfizi come dormire una notte in un attico con vasca idromassaggio.

I PRIMI SUCCESSI – Per seguire le sue avventure, basta collegarsi al suo profilo Twitter, cercare l’hashtag #baconbarter o dare un’occhiata alla pagina Facebook, dove giorno per giorno racconta dei suoi baratti. Solo a New York, a inizio viaggio, è riuscito a comprare due biglietti per andare a vedere una partita di football americano dei Jets, pagati con sei blocchi di bacon, prendere un taxi, trovare un letto per dormire, acquistare alcolici, e ha anche pagato a un ragazzo un tatuaggio… Il soggetto, ovviamente, era una fetta di bacon.

corriere.it




Facebook Twitter Rss