ANNO 18 n° 291
Destino incerto per Viterbo Ambiente
Il prefetto Rita Piermatti chiamata a decidere sul commissariamento della società
01/12/2015 - 13:07

VITERBO – Viterbo Ambiente, si apre una fase delicata. Ieri la notizia dell’interdittiva antimafia emanata dal prefetto Rita Piermatti nei confronti della società che gestisce il servizio rifiuti e spazzamento urbano nel capoluogo della Tuscia e a Montefiascone.

La comunicazione è stata trasmessa a Palazzo dei Priori il 28 novembre. Il Comune ha cinque giorni di tempo per inviare tutta la documentazione dell’appalto vinto da Viterbo Ambiente alla Prefettura. A quel punto il prefetto sarà chiamato a prendere una decisione sul da farsi. A Perugia dopo cinque giorni è scattato il commissariamento della Gesenu.

La società azionista di maggioranza di Viterbo Ambiente. Il commissario dovrà poi valutare il da farsi: portare avanti il contratto fino alla scadenza naturale oppure rescinderlo. Il tutto dovrà essere fatto garantendo comunque il servizio. In caso di rescissione dovrà essere accordata una proroga che permetta lo svolgimento di tutto l’iter della gara europea necessaria per l’affidamento del servizio.




Facebook Twitter Rss