ANNO 18 n° 176
Il lungo viaggio di Ati arriva a Bruxelles
Giovedì la presentazione di Experience Etruria al parlamento europeo
21/02/2016 - 11:21

VITERBO - Quanta strada ha fatto questa piccola ragazza etrusca che si chiama Ati. Dall’Etruria a Roma, presentata al ministro della Cultura Dario Franceschini, e già sembrava tanta cosa. Poi Milano, il viaggio oltre i confini del suo popolo, per andare ad Expo, da un altro ministro, quel Maurizio Martina che si occupa di Agricoltura. Quindi di nuovo qui, nel centro dell’Italia: Viterbo, Orvieto, Chiusi e ancora Murlo, Tarquinia, Saturnia. Luoghi che Ati conosce da sempre, cresciuta tra i boschi e tra i campi, i fiumi e i templi. La prossima fermata di questo viaggio affascinante è lassù, a Bruxelles, dentro il cuore dell’Europa.

 

Qui, nella capitale del Belgio, dell’Unione e del continente – nella sala A3 G2 del parlamento europeo nel palazzo dedicato ad Altiero Spinelli – la pulzella antica e pure moderna sarà protagonista, insieme al progetto di cui è simbolo e ambasciatrice virtuale, Experience Etruria. Per la presentazione ufficiale in una sede così importante – per ragioni ufficiali, ma anche di immagine, e di potenziali ritorni – del sistema nato ormai un anno fa e che già si è rivelato molto fecondo. Dai successi raccolti della ‘’campagna d’Italia’’, dunque, Esperience Etruria passa all’Europa, visto che dopo Bruxelles sono in programma altre tappe del tour, a partire da quella Svezia che ha visto in passato un suo sovrano, Gustavo Adolfo, molto interessato alla storia etrusca.

 

Ma torniamo a giovedì. La presentazione sarà moderata dall’eurodeputato Enrico Gasbarra, e vedrà protagonisti (oltre ad Ati, s’intende), i sindaci di tre ‘’capitali’’ di Experience Etruria: Juri Bettolini per Chiusi, Giuseppe Germani per Orvieto e Leonardo Michelini per Viterbo. Toscana, Umbria e Lazio, insomma, che insieme hanno coinvolto diciotto comuni in questa rete che attraverso gli etruschi cerca di promuovere cultura, turismo, enogastronomia e – perché no – economia a tutto tondo. Ci sarà anche la sovrintendente archeologica del Lazio e dell’Etruria meridionale Alfonsina Russo, Antonella Guidazzoli la responsabile del Visual information Technology Lab di Cineca (cioè i maghi universitari della grafica e dell’animazione) che hanno realizzato il filmato di Ati, il presidente della Fondazione Carivit Mario Brutti, e naturalmente assessori vari. Tra questi, la viterbese Luisa Ciambella, che di Experience Etruria è una sorta di madrina, e di Ati una specie di sorella maggiore: ''Portare EE oltre i confini nazionali era un sogno che via via si è trasformato in realtà – spiega la vicesindaco di Viterbo – e questo grazie ai risultati concreti ottenuti in questi mesi. Il parlamento europeo è una vetrina prestigiosa che ci consente di esporre il progetto ad una platea ampia e, si spera, interessata, insieme a tutti quei soggetti che ci hanno aiutato nella sua realizzazione’’. Insomma, Experience Etruria può davvero conquistare l’Europa e un pubblico sempre più interessato alla storia, alle tradizioni, ma anche ai sapori e alle eccellenze, di un popolo antico e misterioso come gli etruschi, i nostri egizi.

 

Il sindaco Michelini evidenzia i risultati già visibili: ''Experience sta facendo bene a tutti i territori coinvolti. In termini culturali ma soprattutto turistici (i dati per il 2015 su Viterbo città sono eccellenti già da soli, ndr). Quando più istituzioni lavorano insieme per un obiettivo condiviso ecco cosa succede. E se per Expo è stato il tema agroalimentare a funzionare, con le vie dell’acqua, del vino e del sale, dell’olio e del grano e dei boschi che si sono incastonate perfettamente nella cornice dell’esposizione universale, ora non resta che proseguire su questa strada. Considerando anche che Experience Etruria è un contenitore per tante altre iniziative presenti e future, come la mostra Etruschi in 3D, che agli Almadiani ha già fatto registrare oltre 30mila visitatori’’. Vedere le mostre, vedere il filmato di Ati, e quindi visitare i musei, le necropoli, gli scavi. Tutto a portata di mano, nelle terre degli etruschi.




Facebook Twitter Rss