ANNO 18 n° 325
Il Tuscania prepara la difficile trasferta a Sora
Dopo l'impresa contro Cantù, il tecnico Tofoli predica calma e concentrazione
05/11/2014 - 04:00


di Tommaso Crocoli


TUSCANIA - Non si è ancora spento l'eco dell'impresa dei ragazzi della Maury's Italiana Assicurazioni, capaci di centrare domenica scorsa la prima storica vittoria della formazione di Tuscania in A2. Un successo, arrivato a sorpresa con un secco 3-0 contro la più quotata Cantù, che è valso alla squadra anche i complimenti del vicesindaco Leopoldo Liberati.

 Al settimo cielo il tecnico Paolo Tofoli, che però predica calma e guarda già al prossimo impegno sul calendario: la delicata trasferta a Sora in programma domenica 9 novembre. ''Il successo contro i canturini è stato qualcosa di speciale, una bella soddisfazione per tutti noi. Sono contento soprattutto per i ragazzi, che hanno fatto una splendida figura davanti alle telecamere della Rai presenti al palasport di Montefiascone. Il cammino, però, è ancora lungo. Il calendario ci vede ora impegnati contro una squadra, il Sora, costruita per centrare la promozione in A1. Ovvio che loro siano i favoriti, noi dovremo essere spregiudicati e giocare con entusiasmo e determinazione''.

 Tofoli torna poi con la mente alla sconfitta casalinga contro Matera di fine ottobre, quando la squadra, avanti due set a zero, subì la rimonta degli ospiti fino al 2-3 finale: ''All'inizio del terzo set nella sfida con Cantù, ho ripensato a quella partita. Mi sono detto: stavolta non può succedere. Per fortuna i ragazzi sono rimasti concentrati fino all'ultimo e hanno centrato l'impresa. Se restiamo tranquilli e impariamo dagli errori commessi, potremo toglierci altre soddisfazioni durante il campionato. Un ringraziamento particolare, poi, va al nostro pubblico, straordinario nel sostenerci dall'inizio alla fine. Hanno trasformato il palazzetto in una bolgia''.

 A conferma delle grandi potenzialità del Tuscania, che vanta l'età media più bassa del campionato (22 anni), ci sono le statistiche del campionato, che premiano i ragazzi di Tofoli: numeri alla mano, Festi resta il miglior centrale dell'A2, mentre Marchisio è in testa alla graduatoria nel ruolo di libero.




Facebook Twitter Rss