ANNO 18 n° 204
In 150 manifestano sotto la Regione
Chiedono lo sblocco della cassa integrazione e della mobilità in deroga
26/07/2013 - 17:10

VITERBO - Tre pullman di centocinquanta lavoratori del distretto industriale di Civita Castellana sono andati a manifestare presso la Regione Lazio per chiedere che venga sbloccato il pagamento della cassa integrazione e della mobilità in deroga il cui pagamento in alcuni casi è fermo a gennaio del 2013. E’ stata la Filctem Cgil di Viterbo a promuovere la manifestazione, a cui hanno aderito tutte le sigle federali della Cgil. La delegazione è stata ricevuta dagli assessorati alle Attività Produttive e al Lavoro della Regione Lazio. Ad accompagnarli era presente il sindaco di Civita Castellana, Gianluca Angelelli.

''Questo incontro si lega a doppio filo con quello già effettuato il 9 luglio scorso con il vicepresidente Smeriglio, insieme al consigliere Enrico Panunzi - ha dichiarato il sindaco Angelelli - anche in questo caso abbiamo rafforzato, e ormai definito, con la Regione Lazio un impegno a mantenere aperto un tavolo di discussione che interessi il distretto di Civita a 360 gradi. Al primo posto viene certamente l’emergenza del rinnovo della cassa integrazione e il pagamento degli arretrati per la cassa integrazione e la mobilità in deroga. Ma abbiamo discusso anche delle possibilità di nuove iniziative: in particolare la Regione è tornata ad assicurare il suo impegno per la ripartenza del depuratore in zona industriale con il prossimo assestamento di bilancio del 30 settembre. Altrettanto importante la formazione dei lavoratori espulsi dal ciclo produttivo e per i giovani che non trovano ancora occupazione. E’ fondamentale che la Regione attivi al più presto l’insegnamento della robotica nelle scuole, come è stato già illustrato nel precedente incontro. Ed è altrettanto importante che si attivino fondi ad hoc per l’internazionalizzazione delle imprese, che dovrebbero essere finalizzati allo sviluppo di reti commerciali online innovative e al passo coi tempi. Su queste linee di sviluppo la Regione Lazio ha dato la sua disponibilità che dovrà concretizzarsi in tempi brevi. Spero che il presidente Zingaretti possa già da settembre venire a Civita Castellana a presentare le linee di un protocollo di intesa con gli enti locali e con le forze produttive, che, seppur confinato nelle disponibilità di bilancio della Regione, sia effettivo e concreto''.




Facebook Twitter Rss