ANNO 18 n° 231
In tilt il sistema dei referti on line
Guasto nella piattaforma Lazio Escape: sospesi i ritiri telematici
Tecnici della Lait al lavoro da giorni per ripristinare il servizio
11/02/2016 - 11:13

VITERBO –  Niente referto on line per gli utenti delle Asl del Lazio, tranne che per quelli delle Aziende sanitarie di Latina, Frosinone, Roma 6 e ex Asl Roma C. A causa di un guasto alla piattaforma informatica Lazio Escape, realizzata e gestita dall'azienda regionale di innovazione tecnologica Lait spa, dai primi di febbraio è infatti impossibile usufruire di un servizio sempre più essenziale, specie per gli utenti del laboratorio analisi.

 

Proprio nei locali appena fuori della sala prelievi dell'ospedale di Belcolle, dove si trovano le casse del Cup, da giorni campeggia un cartello che annuncia l'impossibilità di usufruire del ritiro on line, come segnalato da alcuni lettori di ViterboNews24. Cliccando sul portale Lazio Escape nella pagina del ritiro dei referti, appare in effetti il seguente messaggio: ''Ci scusiamo per il disagio: il servizio di referto online non è al momento disponibile a causa di disservizi tecnici. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Consigliamo pertanto il ritiro cartaceo, i referti non possono essere spediti in posta elettronica per motivi di privacy. Il servizio è invece accessibile solo per le Asl di Latina, Frosinone, Roma 6, ex Asl Rm C. Per ulteriori informazioni scrivi a: salutelazio@regione.lazio.it''.

 

Insomma, il disagio c'è, lamentato da un sostanzioso numero di cittadini che per avere il risultato degli esami effettuati dovrà per forza di cose recarsi di nuovo di persona alla Cittadella o a Belcolle, come si faceva prima del 2014, anno in cui è stato introdotto il sistema di ritiro telematico. Da quanto fanno sapere Lait e Asl di Viterbo, però, i tecnici dell'azienda e della ditta che gestisce la rete internet sono al lavoro da giorni per superare il problema e tornare ad erogare il servizio. Entro qualche giorno la piattaforma Lazio Escape dovrebbe tornare operativa in tutto il territorio regionale e quindi anche a Viterbo. Sembra che sia stata proprio la massiccia adesione dei cittadini, dal 2014 ad oggi, ad aver portato al guasto nel sistema. Ci sono state, infatti, un milione e 200mila adesioni, per un totale di circa 600mila referti scaricati. Stando ai dati forniti dalla Lait, inoltre, il referto on line interessa il 30% della popolazione regionale, ma il numero sorprendente riguarda soprattutto la fascia di età dei fruitori: il 12% di questi, infatti, è composto da over 75. Una risultanza interessante, che sottolinea l'importanza del servizio telematico anche sotto il profilo del contrasto al digital divide.

 

 

 




Facebook Twitter Rss