ANNO 19 n° 171
Ok in commissione ora tocca al Consiglio
Il provvedimento raccoglie un ampio consenso, due gli astenuti
21/01/2014 - 15:49

La IV Commissione Bilancio, partecipazione, demanio e patrimonio, programmazione economico- finanziaria, presieduta da Mauro Buschini (Pd), ha dato parere favorevole, a maggioranza e con alcuni emendamenti, alla proposta di legge regionale n. 84 del 15 ottobre 2013, d’iniziativa della Giunta regionale, concernente il “Rilancio delle terme dei lavoratori ex Inps di Viterbo”. Con questo provvedimento tale complesso termale, per metà di proprietà regionale e per metà del Comune di Viterbo, sarà affidato a un soggetto privato da selezionare con procedura ad evidenza pubblica, ''in grado di offrire tutte le garanzie necessarie a realizzare un complesso funzionale ed efficiente, capace di far nascere un polo strategico dal punto di vista economico, turistico e occupazionale nel territorio'', come si legge nella relazione introduttiva.

''Il provvedimento - ha spiegato l’assessore al Bilancio, patrimonio e demanio, Alessandra Sartore - dà attuazione a una legge di riordino del sistema termale risalente al 2000 che ha disposto il trasferimento degli stabilimenti termali di proprietà Inps alle Regioni, alle province autonome e ai comuni, in base a specifici piani di rilancio approvati dalle singole amministrazioni''.

La proprietà dello stabilimento termale è passata inizialmente dall’Inps alla Regione Lazio che con la legge d’assestamento di Bilancio del 2008 ha previsto la costituzione di una società a capitale interamente pubblico, capitalizzata in parti uguali dalla Regione Lazio e dal Comune di Viterbo, per la promozione e realizzazione degli stralci funzionali del piano di rilancio delle terme formulato nel 2001.

''Oggi le società partecipate dalle pubbliche amministrazioni sono viste di malocchio, così si è preferito passare attraverso l’affidamento a un soggetto privato, nella speranza che il rilancio di queste terme dia sviluppo e occupazione''. ha concluso l’assessore Sartore.

Il provvedimento raccoglie ampio consenso, seppure con motivazioni diverse e con alcune precisazioni sulle modalità di attuazione. Particolarmente soddisfatto il consigliere Riccardo Valentini (Per il Lazio), intervenuto in sostituzione di Ciarla. Due soli gli astenuti: la consigliera Valentina Corrado (M5s), perché intende presentare alcuni emendamenti in Aula, in particolare per rendere più cogente la disposizione relativa all’aggiornamento del piano di rilancio del complesso termale, e Giancarlo Righini (FdI), secondo il quale nel testo di legge dovrebbero essere inserite norme relative alla funzione di controllo della Regione sull’attuazione del piano di rilancio del complesso termale. La proposta di legge regionale, che ha già ottenuto l’unanime parere favorevole dalla commissione Attività produttive in sede secondaria, adesso è pronta per la discussione in Consiglio.




Facebook Twitter Rss